Cerca nel sito :
       

          www.FondazioneRicciOnlus.it
BARGA - Lucca

Via Roma, 20 - Tel. 0583 724357 Fax: 0583 724921


e-mail: fondricci@iol.it
 


    L’impegno della Fondazione Ricci Onlus per i 150 anni dell’Unità d’Italia:
La donazione agli archivi e alle biblioteche italiane
 dell’ Inventario Storico Risorgimentale Antonio Mordini

La Fondazione Ricci Onlus di Barga, costituita il 5 settembre 1990 per volere dall’imprenditore
Giovanni Mario Ricci, è un ente senza fini di lucro avente come finalità la promozione di iniziative culturali,
il recupero, la salvaguardia e la valorizzazione del patrimonio ambientale ed artistico della Media ed
Alta Valle del Serchio, la realizzazione e la promozione di azioni ed opere a carattere sociale ed umanitario.
Nel 2009, la Fondazione Ricci Onlus ha realizzato la pubblicazione del volume
Inventario Storico Risorgimentale Archivio Mordini
di Barga a cura della dottoressa Maria Pia Baroncelli, presentato al pubblico il 12 dicembre 2009
presso la sede della Fondazione Ricci Onlus.

Una figura, quella di Antonio Mordini - Statista, Ministro del Governo Provvisorio Toscano nel 1849,
collaboratore di Garibaldi e suo Prodittatore in Sicilia, Commissario di Vicenza, Deputato del Regno d’Italia,
Ministro dei Lavori Pubblici nel terzo Governo Menabrea, Prefetto di Napoli, Capo della Commissione Parlamentare sullo scandalo della Banca Romana nel 1893 e
Senatore del Regno nel 1896 – che non poteva rimanere sconosciuta,
e come ricordò il Presidente del Consiglio On. Giovanni Spadolini quando
nel 1982 inaugurò la mostra che espose i documenti più significativi dell’Archivio in occasione dei
festeggiamenti garibaldini, “stampò un’orma incancellabile nella storia del Risorgimento”.
Sempre in quell’anno, ebbe inizio il lavoro di riordino dell’archivio da parte del Comune di Barga,
archivio che è composto dall’enorme carteggio formato da migliaia di lettere e documenti conservati
dal Senatore Mordini, che ebbe relazioni con i più importanti personaggi dell’epoca, da Garibaldi a Mazzini,
da Crispi a Cavour, e che fu inizialmente suddiviso e raggruppato proprio dal Senatore che
pose le basi dell’ordinamento dell’attuale archivio.
Questo riordino, più volte interrotto da pause talvolta annuali, è stato ripreso venti anni dopo,
nel 2002, dalla Fondazione Ricci Onlus, con la supervisione dell’Archivio Statale di Lucca e
della Sovrintendenza Archivisticadella Toscana, che ha dato incarico
alla dott.ssa Baroncelli di terminare questa inventariazione.

Una volta conclusa, vista l’importanza dei documenti in esso contenuti, la Fondazione Ricci Onlus
si è resa anche disponibile a sostenere le spese della pubblicazione dei documenti contenuti
in questo importantissimo archivio.
Oggi, visto la fondamentale importanza che questo Inventario riveste per la conoscenza e la divulgazione
della Storia Risorgimentale Italiana, importanza riconosciuta dalle più alte cariche dello Stato che hanno
espresso le loro più vive congratulazioni per questa pubblicazione, per volontà della nostra Fondazione
nel corso di questo anno, in cui si celebrano i 150 anni dell’Unità d’Italia,
sarà donato a tutti gli Archivi e alle Biblioteche italiane.
Crediamo, infatti, che i documenti ivi contenuti, cesseranno di essere dei semplici reperti e acquisteranno
un vero significato culturale se, attraverso il loro studio, risulteranno utili alla comunità tutta.

Inventario Archivio Antonio Mordini   Ritratto di Antonio Mordini in divisa di Cacciatore delle Alpi   23 dicembre 1848 stampato da Le Monier primo numero giornale La Costituente Italiana di cui Mordini è direttore   1892. Lettera del Ministro Urbano Rattazzi a Mordini   I Deputati del Primo Parlamento Italiano

Clicca per ingrandire

 

L’Impegno della Fondazione Ricci Onlus Nella Valorizzazione del Patrimonio Culturale:
La Pubblicazione dell' Inventario dell'Archivio Storico Risorgimentale Antonio Mordini

La Fondazione Ricci Onlus, si è sempre resa protagonista d’iniziative che fossero strumento
di conoscenza, conservazione, valorizzazione delle tradizioni, della storia e del patrimonio artistico
e culturale del territorio della Media e Alta Valle del Serchio.
In quest’ottica la Fondazione Ricci Onlus ha promosso e sostenuto negli anni
che vanno dal 2001  al 2009, l’ordinamento e il completamento dell’inventariazione
dell’Archivio Storico Risorgimentale Antonio Mordini di Barga, già iniziata negli anni Ottanta
dal Comune di Barga, con lo specifico obiettivo di tutelare e valorizzare questa ingente
fonte storica e per favorirne la sua divulgazione culturale.
Questa iniziativa fu fortemente voluta e sostenuta dal Fondatore Giovanni Mario Ricci, non solo
per la stretta amicizia con la famiglia Mordini ma soprattutto nella consapevolezza dell’enorme valore
che quest’Archivio riveste per lo studio della storia risorgimentale italiana.
Il Senatore Antonio Mordini (1819-1902), che fu Ministro della Guerra e degli Esteri
nel Governo Provvisorio Toscano, Prodittatore di Garibaldi in Sicilia, Commissario del Re a Vicenza,
Vice-Presidente della Camera dei Deputati, Ministro dei Lavori Pubblici, Prefetto di Napoli,
quattordici volte Senatore del Regno, stampò un’orma incancellabile nella storia del Risorgimento,
come ricordò il Presidente del Consiglio On. Giovanni Spadolini, quando nel 1982 inaugurò
la mostra che espose i documenti più significativi dell’Archivio in occasione dei festeggiamenti garibaldini.
L’Archivio, composto dall’enorme carteggio formato da migliaia di lettere e documenti
conservati dal Senatore Mordini, che ebbe relazioni con i più importanti personaggi dell’epoca,
da Garibaldi a Mazzini, da Crispi a Cavour, fu inizialmente suddiviso e raggruppato
proprio dal Senatore che pose le basi dell’ordinamento dell’attuale archivio.
La Fondazione Ricci Onlus è fermamente convinta che avere continuato e portato
a termine questo ordinamento archivistico abbia significato compiere un evento culturale,
poiché in tal modo i documenti qui contenuti, cessano di essere dei semplici reperti per acquistare
significati che saranno, attraverso il loro studio, utili alla cultura e alla vita storica della comunità,
in un rapporto di complementarità e unione con le altre strutture di promozione culturale
esistenti nel territorio come gli altri archivi, le biblioteche, i musei.
Come asserisce Ernst Cassirer, ogni nuova comprensione del passato apre contemporaneamente
una nuova prospettiva sul futuro, la quale a sua volta si traduce in un impulso
per la vita intellettuale e sociale
(Saggio sull'uomo e lo strutturalismo nella linguistica moderna, Roma 1982.)

Proprio in previsione di un suo futuro, ampio, utilizzo indirizzato non solo a studiosi e ricercatori e,
che la possibilità di consultazione di quest’Archivio, possa integrarsi con iniziative di ricerca e
di valorizzazione dei documenti in esso contenuti e con attività didattiche e promozionali,
la Fondazione Ricci Onlus, dopo aver terminato il riordino dell’inventariazione, negli anni dal 2006 al 2009,
ha portare avanti questo importante lavoro sia riversando tutta la schedatura cartacea
su supporto informatico adatto alla pubblicazione dell’Inventario Generale dei documenti in esso contenuti, sia predisponendo il vasto lavoro di ricerca rivolto alla realizzazione dell’indice dei nomi in essi contenuti.
Questo consentirà anche di porre le basi per una futura informatizzazione e messa in rete dell’Archivio stesso.
La storia di questo importante Archivio Storico Risorgimentale, da sempre conservato
nel palazzo Mordini a Barga, nelle stanze accanto allo studio, dove sono riuniti
gli atti parlamentari, i cimeli e le onorificenze concesse al Senatore Antonio Mordini,
si può leggere nelle pagine scritte dalla dott.ssa Baroncelli. Mentre le vicende relative
al suo ordinamento sono ben riassunte dal dott. Tori, Direttore dell’archivio di Stato di Lucca
e dalla Dott.ssa Toccafondi, Sovrintendente Archivistico per la Toscana.
L’ultima depositaria e profonda conoscitrice di quest’archivio è stata la signora Noemi Clarice Mordini Lombardini, moglie del prof. Antonio Mordini, etnologo, nipote del Senatore. La Fondazione Ricci Onlus,
nel ringraziare la famiglia Mordini e in particolare proprio la signora Clarice la cui costanza
e disponibilità, hanno permesso alla dott.ssa Maria Pia Baroncelli di portare a termine questo
complesso lavoro di catalogazione e riordino, ha ritenuto doveroso, dopo la sua recente
scomparsa, dedicare questo Inventario alla sua memoria.
Sentiti ringraziamenti li rivolgiamo alla dott.ssa Baroncelli per il lunghissimo e minuzioso lavoro
svolto con tanta pazienza e dedizione, e al dott. Giorgio Tori, che ha supportato in tutti questi anni, tecnicamente e scientificamente il lavoro di controllo e di classificazione dell’archivio Mordini
in collegamento con la Soprintendenza Archivistica della Toscana, alla quale va la nostra riconoscenza.

Al Presidente della Provincia di Lucca, Stefano Baccelli, al Sindaco del Comune di Barga uscente,
Umberto Sereni, e al nuovo Sindaco, Marco Bonini, al Presidente della Fondazione Cassa Risparmio di Lucca uscente, Gian Carlo Giurlani e al nuovo Presidente Giovanni Cattani, al Direttore, Marco Agretti,
rivolgiamo la nostra gratitudine per il determinante sostegno finanziario al compimento
di questo importante e duraturo contributo alla nostra Storia.

                                                                       Dott. Arch. Cristiana Ricci
                            Presidente del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Ricci Onlus

 


Fondazione Ricci Onlus
Web Master: Informatico, Fotografo, Giornalista Massimo Pia