La Fondazione Ricci nasce nel Settembre del 1990
per volere di Giovanni Mario Ricci

che con questo gesto sottolinea l'attaccamento profondo alle proprie origini e l'amore sincero che lo lega alla terra che gli diede i natali.
La Fondazione Ricci è un ente senza fini di lucro con personalità giuridica riconosciuta con Decreto n.02381 della Regione Toscana, avente come finalità essenziali la realizzazione e la promozione di azioni ed opere a carattere sociale ed umanitario nonchè il recupero, la salvaguardia e la valorizzazione del patrimonio ambientale culturale ed artistico della Media ed Alta Val di Serchio.

La Fondazione Ricci ha la sua sede in Via Roma, 20 a Barga (Lucca)
in una bella villa costruita agli inizi del secolo che,
periodicamente, ospita manifestazioni culturali di diversa natura.

Villa Caproni è un imponente edificio, costruito agli inizi del secolo dal Sig. Luigi Caproni, un emigrante partito da Barga nella seconda metà dell'ottocento; avendo fatto fortuna in America era poi ritornato a Barga per trascorrervi gli ultimi anni della sua vita. Tornato alla città natale, volle esprimere con un segno tangibile il benessere economico raggiunto oltreoceano costruendo la Villa di Via Roma che oggi accoglie la sede della Fondazione Ricci.
Questo edificio di grande prestigio consentirà alla Fondazione iniziative di notevole interesse che, tra l'altro, rafforzeranno l'immagine di Barga quale centro di vivace fermento culturale.

A tale scopo è previsto che Villa Caproni ospiti mostre di pittura e collezioni d'arte, vi siano organizzati concerti, presentazioni di libri e quant'altro ritenuto opportuno per vivacizzare il panorama culturale locale. L'auspicio che formuliamo è il successo di quel percorso culturale che già trova in Casa Pascoli, nell'Archivio Storico Mordini, nella mostra permanente di Palazzo Cordati e nel Museo Storico-Archeologico di Barga le mete più prestigiose.
E' un obiettivo ambizioso e ne siamo consapevoli. Ma siamo certi che il traguardo sia raggiungibile tanto più se intorno alla Fondazione Ricci si coaguleranno l'interesse e l'impegno di chi si sente debitore verso questa terra.

Chiunque abbia volontà, al di sopra di antichi campanilismi superati e non più giustificabili, ed abbia forza di impegnarsi per realizzare il progresso
socio culturale di una terra bellissima, aiuti la Fondazione Ricci
al meglio delle sue energie.

E' questa "...una terra piena di poesia..."
,
come il Pascoli la definì,
osservandola dall'altana della casa di Castelvecchio,

" la conca tutta verde che mollemente dichina da levante a ponente".